La formazione del pensiero religioso

Uomini primitiviVi sono molti storici, archeologi e antropologi che sostengono che la religione sia sorta come un riflesso fantastico della debolezza e sottomissione dell' uomo nei confronti della natura, un riflesso maturato in un cervello relativamente sviluppato. I primi riti religiosi sarebbero basati sul culto delle forze naturali e animali, soprattutto in rapporto alla caccia, quale fonte principale di sussistenza. Gli uomini avrebbero cercato di divinizzare gli oggetti o i fenomeni naturali più temuti per volgerli a loro favore. Tracce evidenti di rituale religioso si trovano nelle sepolture del paleolitico superiore (40.000-18.000 anni fa) e forse anche nell'epoca dell'uomo di Neanderthal (40-50.000 anni fa).
Secondo questi studiosi, il processo, in un certo qual modo, è stato naturale. Esso presupponeva uno sviluppo non indifferente delle capacità intellettuali dell' uomo, non avendo gli animali, come noto, alcuna religione. In tal senso se è esistito un lungo periodo "areligioso" (forse un milione di anni) è stato anche perché l' uomo primitivo

 (pitecantropo, sinantropo ecc.) non possedeva ancora determinate facoltà di astrazione, pur essendo indubbiamente capace di vita collettiva e di manipolazione strumentale. 
Io penso che questo modo di vedere le cose sia un po' riduttivo. Il fatto che l'uomo ad un certo punto abbia cominciato a inventarsi letteralmente delle motivazioni irreali per giustificare il suo stato di soggezione nei confronti della natura, andrebbe considerato non solo come un segno del suo sviluppo intellettuale, ma anche come un elemento che dovrebbe indurci a riflettere sulla natura sociale e organizzativa del comunismo primitivo. La nascita della religione deve aver trovato infatti un terreno fertile nella crisi del comunismo primitivo come organizzazione sociale.

Pecca di superficialità la tesi secondo cui la nascita della religione (quale pensiero astratto) rientra in quel processo evolutivo naturale che ha fatto uscire l' uomo dal suo stadio animalesco. In realtà la religione non solo riflette rapporti sociali alienati, ma anche un limite all'espressione del pensiero astratto, in quanto lo priva di riferimenti alla realtà. L'uomo primitivo infatti possedeva capacità di astrazione che applicava a espressioni di tipo artistico, che di religioso non avevano nulla.

La stessa pretesa di voler attribuire alle sepolture una funzione religiosa è alquanto discutibile. Un bambino che rompe un giocattolo in modo irrimediabile non lo butta del bidone dell'immondizia, ma lo ripone, in genere, nella cesta dei giocattoli inutilizzabili, che si trova e resterà sempre all'interno della sua stanza, almeno fino a quando non vorrà disfarsene consapevolmente. In particolare, il giocattolo verrà risposto "così com'è" (p.es. una bambola coi suoi vestiti). E' raro vedere un bambino piccolo staccare qualche pezzo dal giocattolo rotto per utilizzarlo con un altro giocattolo (fa questo solo quando il suo cervello è relativamente sviluppato). La rottura impone la "morte" di tutto il giocattolo.

Questo forse può spiegare il motivo per cui nelle sepolture degli uomini primitivi si trovano oggetti di uso domestico, personale, trofei di guerra, di caccia, ecc. Cioè non la religione ha portato a queste sepolture, ma queste ad un certo punto possono aver fatto nascere quella (p.es. la paura dei morti può essere nata dal fatto che i cadaveri putrefatti erano fonte di contagio o malattie; il timore suscitato da una persona quand'era in vita può aver portato a credere nell'aldilà, ecc.). La stessa carenza di cibo ad un certo punto deve aver fatto nascere le credenze totemiche.

In ogni caso, per comprendere la transizione dall'animale all'uomo, non possiamo considerare l'illusione di poter controllare con la religione i processi naturali un aspetto più significativo di quanto invece non sia stata la capacità di trasformazione della materia attraverso gli strumenti lavorativi.

Questo poi senza considerare che è impossibile che l'uomo primitivo, solo perché "primitivo", non si rendesse conto della differenza tra "finzione" e "realtà". Qui lo sviluppo della conoscenza scientifica non c'entra niente. Fa parte infatti della natura umana chiedersi, ogniqualvolta ci s'imbatte in un atteggiamento che non rientra in quelli comunemente e regolarmente accettati da una comunità, se chi in quel momento lo sta compiendo "finga" o "faccia sul serio".

Tutti si rendono conto che una cosa è accettare, come "comunità", che un dato atteggiamento rientri nella "finzione" e come tale venga considerato; un'altra è convincerci, nonostante le sensazioni, le tradizioni, la memoria... dicano il contrario, che un qualche atteggiamento "insolito" contiene elementi di verità, al pari di altri atteggiamenti già noti. In questo secondo caso la religione è già diventata strumento nelle mani di qualcuno.

Certo, la nascita del sentimento religioso non può di per sé stare ad indicare la presenza di rapporti sociali basati sullo sfruttamento, però può esserne considerata l'anticamera. Cioè il vero problema non è sorto quando gli uomini hanno cercato di dare delle spiegazioni fantastiche ai drammi della loro vita, ma quando la persistenza di tali spiegazioni è diventata un segno della mancata soluzione di quei drammi e quindi la premessa alla nascita di una società in cui facilmente qualcuno avrebbe sfruttato quelle spiegazioni per legittimare degli abusi. Non a caso nel momento stesso in cui è sorta l'intenzione di strumentalizzare il senso di paura verso certi fenomeni naturali o sociali, al fine di assoggettare gli uomini alla volontà di altri uomini, è sorta anche, inevitabilmente, la "critica della religione", all'inizio in forme istintive e poi sempre più razionali.

Da un lato quindi la religione (in questa fase ancora "naturale") è nata come prodotto della debolezza umana; dall'altro il suo uso strumentale non può essere stato che il prodotto della forza umana, la forza di una parte della comunità primitiva contro l'altra. L'interesse che deve aver mosso questo processo è stato indubbiamente quello dello sfruttamento, il cui scopo doveva essere o quello di conservare un benessere materiale acquisito progressivamente, indipendentemente dalla volontà della comunità, o quello di ottenerne uno ancora più grande.

La religione non venne sottoposta a critica serrata nel periodo in cui si formò come religione "naturale" soltanto perché la spontaneità non le dava quel carattere di forte oppressione che invece assumerà quando la società sarà nettamente divisa in classi. Sarà proprio l'opposizione sociale allo sfruttamento che determinerà, a sua volta, la trasformazione della religione da "naturale" a "rivelata". Infatti, la critica ateistica, che è sempre legata a un'istanza di liberazione sociale, ad un certo punto deve aver tolto alla spontaneità delle rappresentazioni fantastiche la loro primitiva ingenuità. Ecco perché le religioni "rivelate" hanno dovuto riconoscere che le forme delle religioni "naturali" altro non erano che "superstizione".

Sotto questo aspetto le religioni "rivelate" non rappresentano che una sorta di mascherata ateizzazione delle religioni "naturali". Hanno fatto uscire l'uomo dall'ingenuità di credere naturale la propria debolezza e l'hanno fatto entrare nell'ipocrisia di credere la propria debolezza come voluta da dio.

Si badi, con questo non si vuole considerare la religione in sé peggiore della scienza. Nelle moderne società è comunissimo il fatto che qualcuno miri a servirsi della conoscenza e della sicurezza offerta dalla tecnologia per assoggettare gli uomini. Non è l'ignoranza in sé o la conoscenza in sé che rende l'uomo libero o schiavo. Oggi sono tantissime le cose che possono surrogare le funzioni della religione e che vengono usate appunto come una religione.

Tratto da: http://www.homolaicus.com/teoria/ateismo/ateismo9.htm

Preferiti [Categoria]

Umberto Veronesi: «La religione impedisce di ragionare»
MILANO - La religione impedisce di ragionare mentre la scienza vive nella ricerca della verità. Sono mondi molto lontani. Umberto Veronesi, nel corso di Sky...
Preferisco ragionare anziche' credere: ecco perche' sono ateo
  Vi ricordate l’ Ateobus di Genova? Quello che doveva circolare per le strade della città del Presidente della CEI cardinal Bagnasco con la scritta “La...
Dio esiste? Il punto di vista della scienza
Si elenca qui di seguito il punto di vista della scienza, che per questioni di potere preferisce evitare di affrontare l' argomento dell' esistenza di Dio, e...
Pensieri atei
"Neppure facendo appello alle più storte o meschine teorie del bene che siano mai state inventate dal fanatismo religioso o filosofico, si può far...
L' Anticlericalismo
L' Anticlericalismo è un movimento politico che si oppone al clericalismo, ossia all'invadenza degli ecclesiastici nella vita dello stato e nel costume....
Ateismo e' liberta'
In me l' ateismo non e' ne' una conseguenza, ne' tanto meno un fatto nuovo: esiste in me per istinto. Sono troppo curioso, troppo incredulo, troppo insolente...
Al caffe’ dell’ ateismo
Gran serata a Londra con Scruton, Hitchens e Dawkins a parlare di religione. “La fede è come un ciuccio” ha detto il biologo evoluzionista....
10 miti – e 10 verità – sull'ateismo
Spesso gli atei vengono visti come intolleranti, immorali, depressi, ciechi di fronte alla bellezza della natura e dogmaticamente insensibili all’evidenza...
Esistenzialismo Ateo e Suicidio Filosofico
Nessuno di noi ha scelto di venire al mondo, siamo nati per caso, senza volerlo, senza poter decidere tante cose che forse avremmo voluto cambiare, la nostra...
L' indottrinamento precoce: I danni dell' educazione religiosa
di Carlo Bernardini. Molte sono le attività umane dalle quali i “minori” sono esclusi. Ovviamente, non prendo in considerazione, per ovvî motivi, quelle...
La Chiesa e il suo lavaggio del cervello
Nota del traduttore: credo sia la prima volta che mi capita di tradurre in italiano l’ intervista di un giornalista italiano ad un insegnante italiano. Gia'...
La sorprendente mappa degli atei nel mondo
Un sondaggio realizzato da WIN / Gallup International ha chiesto a più di 50.000 persone in 40 paesi se si considerano "religiose", "non religiose" o...
“In difesa di Mauro Biglino”
Ieri è uscito un articolo molto interessante su Mauro Biglino sul Blog “Atheum Diary – Liberi dall’illusione” di Fabio Caneo.Di seguito vi proponiamo...
Il relativismo etico. I valori
Per il relativismo etico il discorso da fare è assai diverso. Nel campo morale non esiste la verità. La logica a due valori, vero e falso, vale solo per il...
Piergiorgio Odifreddi - biografia
Piergiorgio Odifreddi (Cuneo, 13 luglio 1950) è un matematico, logico e saggista italiano. I suoi scritti, oltre che di matematica, si occupano di...
Le incongruenze di Dio
Il Decalogo è concepito sulla proibizione Otto comandamenti su dieci si fondano sulla logica del divieto, che del resto è presente anche nel precetto che si...
Richard Dawkins, L' illusione di Dio
Non c’è dubbio che, nella riflessione sulle religioni, al recente libro di Richard Dawkins, L' illusione di Dio, spetta un posto speciale, perché...
Un miliardo (e più) di non credenti
di Gilberto Corbellini in “Il Sole 24 Ore” del 26 settembre 2010. L' ateismo e le sue articolazioni storico-concettuali sono temi caratterizzabili non solo...
"Dio non benedica l' America" L' ultima battaglia di atei e laici
di Vittorio Zucconi in “la Repubblica” del 6 novembre 2013 - C'è un’ America stanca di benedizioni, che vuole espellere Dio dalle stanze del potere...
Nel nome di Giordano Bruno, il diritto alla dignità
di Maria Mantello - Il 17 febbraio del 1600, dopo lunghi anni di carcere e terribili violazioni alla sua dignità, Giordano Bruno veniva fatto bruciare vivo...
Giancarlo Tranfo sul libro Gesù di Nazaret e le stupidaggini scritte da Joseph Ratzinger
La Storia è un can che dorme che spazzerà via la favola di CristoNon è un mistero che Ratzinger ha pubblicato il libro "Gesù di Nazaret" per tentare di...
I paesi dove l’ ateismo è punibile con la morte
Blasfemia, apostasia, ateismo. In certi posti sono reati e le pene sono molto dure. Ci sono 13 stati al mondo in cui chi è ateo (o non è la religione...
Cacciari e Onfray, due ateismi a confronto
Mentre il filosofo italiano, sedicente ateo, critica l’ ateismo “del nulla” all’ ombra dei preti-padroni che discettano dell’ altro “nulla”...
Indottrinamento infantile
“Il grande guaio è l’INDOTTRINAMENTO INFANTILE. Quello ha provocato e provoca grandi guasti. Non dà al cervello la possibilità di sviluppare...
Praga la atea aspetta il papa
Stranezze del mondo cristiano. Vado alla chiesa di Santa Maria della Vittoria, dove c’e' la celebre statuina del Bambino Gesù venerata in tutto il mondo....
Il profeta è nudo. La prefazione di Odifreddi al “Trattato dei tre impostori” di Spinoza
"Il Trattato dei tre impostori", è un saggio-pamphlet attribuito prima a Spinoza e poi a un suo anonimo allievo, e conobbe un immenso successo nell’ Europa...
I nuovi atei. Quei filosofi senza fede non arrabbiati con dio
Dopo l’ antireligione, si fa strada un pensiero laico aperto al dialogo. di Giancarlo Bosetti - Il picco del successo editoriale i «missionari»...
Sesso: perchè è proibito?
Non esistono domande che non si debbano esprimere.di Calogero Martorana.Quando ero bambino, e fino alle soglie della scuola superiore, ero convintissimo che...
Le religioni plagiano, presentato a Firenze al Caffè Giubbe Rosse
Il libro di Vittorio Giorgini proposto al presidente Giorgio Napolitano affinché venga adottato come libro di testo nelle scuole FIRENZE - Sabato 24 maggio...
Il breviario degli atei
Dimenticare Dio. L' ateismo non e' una "fede" e non si propone di fare opera di de-conversione, di de-cristianizzazione, di de-islamizzazione o di altro....
Le ragioni dell' ateismo
Dio è una parola inventata dall’ uomo: abbiamo inventato un termine e poi abbiamo creato nella nostra mente le sue caratteristiche. Ormai questa parola è...
Senofane di Colofone e l’ ateismo filosofico
Gli dèi non possono avere sembianze umane, men che meno costumanze umane e tendenze a fare atti illeciti. Dio non può muoversi, sempre nello stesso posto...
Pieve Ligure e la follia degli atei
Il numero odierno di Avvenire, quotidiano dei vescovi, contiene un articolo di Paolo Mosca che ci riguarda direttamente. Si intitola “Quelle conversioni...
Io sfido il papa a dimostrare l’ esistenza di Dio in un bla bla televisivo
di Francis Sgambelluri - Per me va benissimo. Possiamo affrontare questo duello da uomo a uomo, da scimmia a scimmia, da essere umano ad essere umano, da...
"Vi spiego perché ho abbandonato la Chiesa cattolica”
Un’indagine commissionata da un vescovo del New Jersey negli Stati Uniti ascolta le motivazioni di coloro che lasciano. Maria Teresa Pontara Pederiva -...
Gli dèi nella Bibbia: i primi creatori dell' universo
Nella Bibbia ci sono due soggetti divini e creanti: JHWH e Elohim. JHWH [ ] indica il nome individuale di Dio. Elohim → 'elohîm [ ] è plurale e...
Il libero arbitrio
Il libero arbitrio e' uno dei tanti controsensi o dogmi delle religioni e delle filosofie che e' basato fondamentalmente su un sentire legato al cosiddetto...
Il non-senso della vita
di Piergiorgio OdifreddiGuardandosi attorno, ci si accorge che la grandiosità delle domande che la gente si pone è inversamente proporzionale alla loro...
L’ ateismo sostituirà le religioni?
Gli atei sono fortemente concentrati nei paesi economicamente più sviluppati, in particolare nelle socialdemocrazie europee. Nei paesi sottosviluppati non ci...
Perché gli atei non se la prendono con i buddisti?
Qualche tempo fa Andrea Tornielli, vaticanista de La Stampa, pubblicò un articolo intitolato "Quel pregiudizio negativo sul Papa nel web italiano", in cui...
Solo credenza nell' immortalità della coscienza
Di Maurizio Fiumara - E’ un’ idea prescritta. Da migliaia di anni l’uomo ha bisogno di credere alla propria immortalità anche se mai è stata confermata...
I miscredenti riflettono di più
di Massimo Piattelli Palmarini in “La Lettura” del 29 aprile 2012 Senza anticipare ancora la ragione per cui chiedo quello che sto per chiedere,...
Perché gli atei hanno un quoziente intellettivo superiore?
Ogni tanto sui forum, nei commenti dei blog o nei gruppi di discussione salta fuori il provocatore di turno che ripropone – in chiave razzista – studi sul...
L’ incapacita' di concepire l’ esistenza di dio
Per molti dizionari della lingua italiana la parola ateismo avrebbe un solo significato, senza considerare, forse per limitatezza semantica, forse per evitare...
Dio non è grande...la coerenza di un vero ateo
Hitchens sulla sua malattia a The Atlantic: Come sto? sto morendo. Giornalista, scrittore e critico letterario ha cancro a esofago New York, 10 ago. (Apcom) -...
Il Papa contro il nazismo ateo. S' infuriano gli atei inglesi
Pontefice ha citato la tirannia nazista che voleva sradicare Dio.Londra, 16 set. (Apcom) - Gli atei inglesi non avevano certo preparato un' accoglienza tra le...
La bontà di Dio e il male del mondo: il problema della teodicea
Devo ammettere che il mio rapporto con la teodicea è sempre stato abbastanza semplice, forse troppo semplice. In pratica, non ho mai nutrito alcun dubbio che...
Ostia non è corpo di Cristo, ateo chiede esame del Dna
Nelle Marche ex papaline è tutto un fiorire di campagne atee: dalla crociata anticrocifisso del giudice di Camerino Luigi Tosti all’ ultima contro l’...
L' inesistenza di Dio
Non è un articolo breve, non è un articolo semplice, questo è un post contro l’appartenenza ad una Chiesa, contro la fede in una religione, contro la...
17 Febbraio: in memoria di Giordano Bruno
Roma 9 giugno 1889, domenica di Pentecoste, piazza Campo de’ Fiori è pavesata con stendardi colorati. Tutt’intorno alla piazza grandi tabelloni dove sono...

Built with HTML5 and CSS3
Copyright © 2011 YOOtheme