Armi al Plasma usate 4000 anni fa nella città di Mohenjo Daro?

EsplosioneDopo una lunga preparazione, anni di studio e ricerche, nonché una pianificazione del viaggio rivolta a non trascurare nessun elemento di valore e interesse, lo scorso dicembre abbiamo iniziato la nostra avventura in Pakistan, non scevra da qualche rischio ma carica di una grande emozione e di molte sorprese che avremmo incontrato lungo la nostra strada.

di Enrico Baccarofthe

Così poco più di un mese fa, assieme ad una troupe documentaristica composta dal regista Diego D’Innocenzo e dal Direttore della fotografia Matteo De Angelis, abbiamo iniziato la nostra avvenutura assolutamente inconsapevoli che saremmo andati a vivere e sperimentare le bellezze di un paese incredibilmente unico.

Il frutto di questo lavoro andrà in onda il prossimo Marzo nella trasmissione di RAI2, condotta da Roberto Giacobbo, Voyager.

Cercando di ripercorrere le tracce di un grande mistero del passato siamo giunti in alcuni dei siti archeologici più antichi del pianeta, luoghi appartenuti al popolo Harappa e alla sua misteriosa civiltà, nel tentativo di ricostruire la storia di David William Davenport, delle sue teorie e di analizzare i  riferimenti presenti negli antichi poemi epici indiani in cui si parla di guerre e di esplosioni, di Vimana e di tecnologie estremamente avanzate.

Durante la realizzazione del documentario abbiamo inoltre avuto modo di intervistare diversi studiosi che, a vario titolo, si sono interessati alla vicenda nel corso degli anni tra questi lo scrittore inglese Graham Hancock, autore di bestseller internazionali; il Dr. Fulvio Terzi, amico personale di Davenport; Giorgio Cerquetti, da decenni profondo conoscitore del misticismo indiano ed infine Mauro Paoletti, scrittore e studioso dei misteri che riguardano il passato dell’umanità.

Attualmente il documentario per VOYAGER è in fase di post-produzione ma presenteremo i risultati preliminari di questi studi, nel convegno che si terrà a Roma il 28 Aprile 2013 presso il Pineta Palace Hotel. Molto lavoro che spero potrà essere apprezzato da tutti coloro che si sentono attratti da queste terre, dai loro misteri e dal fascino senza tempo che emanano.



 

Indubbiamente il Pakistan presenta ancora oggi i due estremi di una società divisa tra le antiche tradizioni e la modernità incalzante, due facce che si fondono in  una sinergia unica talvolta contrastante e difficilmente descrivibile a parole. Questa esperienza mi ha  insegnato ancor di più, però, a non dare nulla per scontato . Come ho già avuto modo di accennare su Facebook, è stato fondamentale analizzare e sondare il “terreno” e non lasciare niente di incompiuto.

Così il primo elemento che abbiamo studiato è stata la possibile radioattività ambientale, memori delle teorie di Davenport. Abbiamo portato con noi un contatore Geiger ma, nei giorni di permanenza nel sito, non abbiamo riscontrato nessuna traccia di radioattività (ho preso a campione un minimo di 3 punti equidistanti tra loro con rilevazioni multiple protratte per diverso tempo).



Il sottoscritto all’ingresso del sito archeologico di Mohenjo Daro e sotto un sole “cocente”!

Altrettanto fondamentale è stato però constatare come buona parte di Mohenjo Daro (e ancor di più il così detto ‘epicentro‘) risultasse  interamente cosparsa di vasellame fuso e vetrificato! Sono riuscito a portare con me alcuni campioni di roccia che sono già stati consegnati per le analisi di rito mentre in parallelo siamo a fine della stesura del libro a cui abbiamo dedicato molti anni dei nostri studi. Ma andiamo con ordine!



L’antefatto

Ho trattato spesso attraverso le pagine di ENIGMA, ma non solo, gli studi e le teorie di David William Davenport e chi ha potuto ascoltare le conferenze che ho tenuto su questo tema ha avuto modo di percepire, almeno lo spero, il fascino che questi territori da molti anni hanno riscosso in me. La possibilità di poterci recare personalmente nei luoghi studiati da Davenport e porre nuovamente sotto analisi, e per la prima volta in assoluto con strumentazioni scientifiche, quanto da lui teorizzato nel 1979 assieme al giornalista italiano Ettore Vincenti costituiscono non una conquista personale ma un piccolo passo rivolto verso tutti coloro che vogliono comprendere e conoscere la natura degli eventi anomali avvenuti in questa zona nel 2000 a.C.



Da sinistra, David W. Davenport, Josyer e Ettore Vincenti

La teoria proposta da Davenport è certamente articolata e di non facile ‘digeribilità’ per coloro che non sono avvezzi a certe tematiche e vide pubblicamente la luce nel libro ormai introvabile “2000 a.C.: Distruzione Atomica".



Durante il loro viaggio, sul finire degli anni ’70, i due studiosi raccolsero campioni di roccia, vasellame e monili che risultavano fusi e vetrificati. Nessun evento naturale poteva spiegare quei ritrovamenti, nessun intervento umano sembrava in grado di poter generare una tale distruzione, a meno che Mohenjo Daro non fosse stata realmente teatro di qualcosa di diverso, una esplosione o qualcosa di simile avvenuta 4000 anni fa.

Alcuni campioni recuperati da Davenport e Vincenti dove sono chiaramente visibili le tracce di fusione (anni ’70)

Dei suoi 100.000 abitanti, dagli anni ’20 ad oggi sono stati ritrovati solo 44 scheletri, nessuna tomba o sepoltura, corpi che si presentano come muti testimoni di una morte istantanea, avvolta ancora oggi nel mistero, a cui l’archeologia non è riuscita a dare una spiegazione e che in alcuni casi presentavano addirittura segni di calcinazione come se fossero stati esposti ad una intensa fonte di calore.

Ripercorrendo queste tracce siamo giunti in luoghi ancora oggi difficilmente raggiungibili riscoprendo, forse,  una verità a lungo dimenticata. Durante le nostre riprese nel sito archeologico di Mohenjo Daro abbiamo esplorato varie aree che fin da subito sono risultate totalmente cosparse da vasellame e mattoni fusi o vetrificati, come se fossero stati realmente esposte ad una fonte di calore molto elevata.



Nella volontà di non tralasciare nessuna strada abbiamo quindi cercato e tentato di trovare una spiegazione razionale a questi eventi ma niente è riuscito a giustificare la realtà che avevamo davanti. Parlando (in inglese) con alcuni dei responsabili del sito abbiamo potuto inoltre constatare come l’ipotesi degli “scarti di fornace” non fosse in grado, ne riuscisse, a giustificare la grande quantità ed estensione di oggetti deformati presenti nel terreno, e non neghiamo che dopo aver parlato con alcuni di loro dell’ipotesi di Davenport non ne siano rimasti affascinati.

L’estensione di questi detriti e il mistero sulla loro formazione sembravano realmente suggerire che un evento inspiegabile avesse colpito la città nel remoto passato.



 

La radioattività

Per quanto ci dividano oltre 4000 anni dall’evento atomico teorizzato da Davenport, nel caso in cui si fosse trattato di una esplosione di questo tipo, avremmo comunque dovuto rinvenire tracce della sua contaminazione.

Nel loro libro Davenport e Vincenti scrivevano “… allo stato attuale della tecnologia solo un ordigno nucleare può essere stato capace di creare contemporaneamente un’onda d’urto e un’onda di calore tali da lasciare le tracce che abbiamo rilevato a Mohenjo Daro".

Riteniamo di aver trovato le tracce di una possibile onda di calore ma perchè il luogo non era radioattivo?

Personalmente pensiamo che l’ipotesi nucleare fosse l’unica che negli anni ’70, durante la Guerra Fredda, potesse spiegare e giustificare quanto trovato ma nessun altro elemento sembra aver mai comprovato questa asserzione. Le stesse analisi del ’79 fatte a Roma non parlano ‘mai’ di radioattività ma solo di vetrificazione, fusione e alte temperature.



Gli antichi testi indiani descrivono inoltre armi i cui effetti ricordano molto da vicino quelli di un’esplosione atomica ma è altrettanto vero che in questi stessi testi si parla specificatamente di armi ad ‘energia’, definite tejas astras, utilizzate dagli ‘dei durante le loro battaglie’. Se avvenne realmente un evento del genere è possibile pensare che la sua origine fosse diversa da quella nucleare?

Durante le nostre ricerche abbiamo identificato un’arma mitica, l’Agneya Astra, la cui descrizione sembra ricalcare fedelmente gli effetti descritti da Davenport, un’arma in grado cioè di sviluppare una fonte di calore estremamente elevata tale da riuscire a fondere le rocce ma altrettanto circoscritta da non contaminare e distruggere totalmente la zona interessata.

Ecco la descrizione dell’Agneya presente nel Drona Parva, settimo libro del Mahabharata:

"Un unico proiettile caricato con tutta la potenza dell’universo, una colonna incandescente di fumo e di fiamme, luminosa come diecimila soli, si levò in tutto il suo splendore. Un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza dei Vrishnis e dei Andhakas".



Non potevamo andare a Mohenjo Daro senza portare con noi un rilevatore Geiger, strumento in grado di rilevare la radioattività ambientale e fornire stime realistiche dei livelli presenti nel sito. Come si può vedere dalla mappa sotto riportata abbiamo sottoposto non meno di tre punti del complesso archeologico (di cui riporto alcune coordinate GPS) ad una analisi ambientale per cercare di capire se fossero presenti tracce o residui di radioattività così come ipotizzato da Davenport.

 



 
Localizzazione GPS dei rilevamenti effettuati tramite contatore Geiger

Per quanto le nostre rilevazioni si siano protratte per diverso tempo i risultati sono stati negativi, i valori rilevati non si discostavano dalla normale radioattività di fondo e neanche le rocce fuse o vetrificate che tappezzavano interamente alcune parti del sito hanno presentato la minima emissione di radioattività (nel prossimo periodo pubblicheremo i valori e le tabelle e le analisi in modo dettagliato).

 





 
Altra rilevazione Geiger effettuata la sera del 4 dicembre 2012 a Mohenjo Daro, poco tempo dopo la precedente. Il valore di 0,02 µsv/h indica livelli totalmente normali della radioattività ambientale

Non nego che inizialmente tale esito ha lasciato in me una profonda delusione e amarezza ma ho continuato negli scopi che mi ero prefisso effettuando ulteriori rilevazioni, come la rilevazione del campo magnetico ambientale (totalmente nella norma), e iniziando a studiare il terreno che si estendeva sotto i miei piedi.

Se si fosse trattato di una esplosione atomica, per quanto siano passati più di 4.000 anni, avremmo comunque ritrovato i segni e le tracce della sua antica presenza. Un esempio chiarificatore sono le stesse Hiroshima e Nagasaki che, a distanza di 60 anni dalla deflagrazione delle prime bombe atomiche, risultano prive di una radioattività ambientale nociva per l’uomo per quanto esistano alcune zone che presentano ancora valori elevati e dannosi per la salute umana.

 



Nel caso di Hiroshima e Nagasaki le esplosioni avvennero in quota, ad un’altezza di circa  580 metri dal terreno, per cui sullo zenit dell’esplosione non si formò alcun cratere e consequenzialmente le radiazioni si dispersero in maggior misura nell’ambiente circostante piuttosto che interessare e permanere nel terreno.

 



 
Effetti di una esplosione nucleare in quota da 200 Kt (kilotoni) e conseguenti danni in linea d’area.

Detto questo però, l’onda generata dall’esplosione e il fallout che ne derivò lasciarono ad Hiroshima e Nagasaki segni indelebili e una contaminazione permanente.

Se a Mohenjo Daro non era avvenuta una ‘esplosione atomica’ era comunque innegabile il fatto che l’intero perimetro dell’area incriminata (epicentro e zone limitrofe) fossero totalmente& Nbsp;completamente, pervase da ogni tipologia di rocce fuse, da mattoni e vasellame vetrificato ed esposto ad una temperatura elevata.  Il fatto curioso, come scrisse Davenport, è che le strutture nelle immediate  vicinanze del così detto epicentro sono totalmente inesistenti, si presentano cioé come ‘monticelli’ che solo ad una analisi ravvicinata mostrano la loro natura di mattoni e vasellame rotto e sparso sul terreno.

Alle domande sollevate e ai reperti ritrovati si unisce una nuova scoperta, del tutto inaspettata ed effettuata dopo il nostro ritorno in Italia, una scoperta che sembra ulteriormente avvalorare la possibilità di una esplosione nell’antichità.

Tale evidenza si ricollega direttamente alle tipologie di detriti fusi ritrovati a Mohenjo Daro e si associa alle più moderne tecnologie belliche nonché al residuo di fusione provocato dalle esplosioni ad alta intensità e al calore da esse generato.

Ci riferiamo alle “Trinititi” pietre che costituiscono il residuo fuso e vetrificato originatosi dopo i primi test atomici effettuati nel 1945 negli Stati Uniti, ma altrettanto similari ai residui originati da bombe dall’alto potenziale esplosivo come la BLU-82 (una testata bellica da 6.800 kg). Un raffronto tra le due tipologie di rocce fuse che lascia senza parole.

Forse sono state usate armi ad energia diretta, molto simili a quelle laser, oppure armi al Plasma?

Un parallelismo che risulta così evidente da legittimare necessariamente la domanda su cosa realmente fosse avvenuto a Mohenjo Daro 4000 anni fa! 

Ecco alcuni dei campioni di vasellame e rocce fuse fotografati a Mohenjo Daro:



Campione n°1 – Sono visibili sia le rocce vetrificate che quelle fuse con le corrispettive bolle di fusione. (Foto di Enrico Baccarini©)



Campione n°2 – Diverse varietà di reperti rinvenute in un’area campione circoscritta. Si possono vedere cocci di anfore, un mattone vetrificato e doverso tipi di rocce fuse (Foto di Enrico Baccarini©)



Campione n°3 – Un dettaglio della foto precedente con frammenti di vasellame rotto e in primo piano un pezzo di un vaso sottoposto ad un calore elevato con formazione di bolle. (Foto di Enrico Baccarini©)



 
Campione n°4 – Frammenti vari di vasi fusi da un forte calore. In primo piano in basso si nota l’incavo di una ciotola antica contora e deformata dalla fusione. (Foto di Enrico Baccarini©)

Abbiamo intrapreso il nostro viaggio alla ricerca di risposte e nella speranza di trovare le prove di antiche esplosioni, abbiamo trovato un filo comune che sembra legare la città di Mohenjo Daro, i Vimana e le storie descritte negli antichi testi indiani.

Il viaggio continuerà e approfondiremo molte delle tematiche trattate, per ora ci piace concludere meditando su una frase che scrisse Davenport,  “nel passato è sepolta la soluzione per il nostro futuro".

Forse ristudiando il nostro passato potremo migliorare davvero il nostro futuro, evitare di commettere gli stessi errori e forse anche imparare quello che gli antichi hanno sempre detto, ma che noi non abbiamo voluto ancora veramente ascoltare.

Comunque vi aspetto tutti il 28 Aprile 2013 al convegno organizzato dal sito web Segnidalcielo.it.

A cura di Enrico Baccarini

http://www.segnidalcielo.it/2013/04/07/armi-al-plasma-usate-4000-anni-fa-nella-citta-di-mohenjo-daro/

Favorites [Category]

The most powerful family in the world: ROTHSCHILD
You can not really understand what happens in the world if you do not study "The Family" par excellence: The Rothschilds ... Who really controls the world? There is a name ...
Discovery of a giant pyramid on the bottom of the Bermuda Triangle - The remains of the legendary civilization of Atlantis?
The Bermuda Triangle is one of the most mysterious, dangerous and sometimes deadly on the planet Earth. For decades, intrepid explorers ...
But as superstition?
In 1679, the 'Abbé Jean-Baptiste Thiers (1636-1703) wrote a' work that had great response and was published until 1777, the Traité des superstitions. It '...
The secret of eighteen giant skeletons of Wisconsin
We have discovered, for reasons not entirely clear, are stored on the back burner of human knowledge. Still, it's findings that could ...
The myth of Ulysses
The result of a secular civilization based on a comparison of the political parties of the polis, the wars of conquest, on the superiority of language and art ...
Nibiru is already in our solar system? It seems to be monitored by 'the Arecibo Observatory in Puerto Rico
As we suspected, the community of astrophysicists has long been known that a brown dwarf is moving toward us and will cause a series of cataclysms ...
Princess Diana: The hidden meaning of his death
Why Elton John called Lady Di "England's Rose"? Maybe because it was beautiful or because the rose has a deep occult meaning? This article ...
The belt of Orion, the mystery of the Egyptian pyramids found in an amulet
It is said that three clues do a test. It's never been more true than in the field of Egyptian archeology, especially in the latest archaeological discovery ...
Oops ...! NASA has canceled the satellite picture of the UFO "Black Knight". Error or cover-up?
If it was a cover-up case, we say that all 'US space agency is an' operation that succeeded in half, because they have to be gone ...
Milan Duomo found in the treasure of the Templars
Posted on 17/04/10 by Una_via_per_Oriana. The discovery due to a collapse of the floor. In a crypt of about 80 square meters found a ...
The ROTHSCHILD, masters of the World
& Bull; If the law is not equal for all will only serve to subjugate the weaker the needs of the rich & bull; No democracy makes sense, when ...
The creation of the world and other legends
In the Egyptian religion are several myths about the creation of the world; each of the big cities' place of religious worship tended with its own ...
Esoteric meaning of the two Masonic pillars: Jachin and Boaz
Since the dawn of civilization, the & rsquo; entrance to the holy places and mysterious was preceded by two pillars. Both in art and in architecture, the two columns ...
Wikileaks confirms the theory of Reptilians
Few days have passed since the publication of the 250,000 US diplomatic cables on WikiLeaks. In light of these dramatic content is confirmed ...
The myth of Prometheus and Lucifer's fall
of woquini (10/11/2006 - 15:22) The myth of Prometheus has always fascinated me and at the same time, raised a number of thoughts and doubts, so much so that ...
Nibiru and the Anunnaki
Zecharia Sitchin is the author of several books on archeology and ancient astronaut. He acquired a deep knowledge of the 'jew modern and ancient, languages ​​...
The occult meaning of the "Three wise monkeys" hidden by 'elite
The & ldquo; Three Monkeys Sacred & rdquo; (Also referred to as the & ldquo; Three Mystic Monkeys & rdquo;) is a & rsquo; s ancient sacred icon whose original meaning is ...
Ancient Astronaut aliens mistaken for gods by our ancestors?
& Nbsp; During World War II, American troops created air bases on some remote islands of the 'Pacific Ocean. To the natives, that not ...
Control of the masses? Here's how to work the Illuminati
It often happens to those who seek information on the Internet, to meet articles, reports or documents the so-called "New World Order" or a ...
The case of Lake Vostok and other mysteries of 'Antarctica
The mysterious circular object of Lake Vostok and the vagaries of time "Time Gate" opens a new chapter on the history of the Eden ...
The 'Egyptian influence on global culture, Christianity and the Masonic symbolism
"In the centuries before the dynasties of pharaohs, when historical events were not yet handed down to posterity, there were men like smart ...
Francis is the "black pope" of the prophecy?
On the net by storm forecasts of Malachi and Nostradamus the last pope: Bergoglio is a Jesuit superior general of the order and is called its ...
The earthquake in Japan and the prophecies about 2012
MIRIAM GIANGIACOMO - The earthquake in Haiti, one in our house in L'Aquila, and now Japan. And yet the Libyan crisis using, that of Tunisia, the ...
Enuma Elish, the Babylonian creation myth
Stefano De Luca When in the high Heaven had not yet Namee down even the hard ground [Earth] had no name So begins the sacred text of ...
Obamacare: 2013 microchip under the skin for all US citizens
By Perucchietti Introduction of Dr Enrica If it is confirmed at the White House in the presidential election on November 6, Obama made it clear that ...
New World Order (NWO): its history and explanation
Far from being exhaustive, this brief chronological table 1 (ranging from 1773 to 2003) lists the most important stages of the journey forced ...
2012 - The Mayan Prophecy - The End of the World according to the 'last page of the Dresden Codex
The Mayans were obsessed with time. L 'entire territory of the Maya, with its hundreds of cities' Stone MAY BE classified as a huge ...
The myth of Europa
Who was Europe? The concept of Europe as a very beautiful woman and 'a common feature of ancient mythology. Gia 'Hesiod (770 BC ca), in the direction ...
L 'abdication of POPE / Between apocalyptic prophecies, conspiracy theories and the global crisis
Enrica Perucchietti and Gianluca Marletta. "Do not leave me alone, pray for me, that I may not flee for fear before the wolves." It is with these words -...
The Vimana and other ancient weapons of the "gods"
Vimana and mysterious weapons are mentioned in ancient chronicles Indian Sanskrit (Manusas) as the Ramayana, the Rig Veda, the Drona Parva, the Vimanika, the ...
Modern objects in ancient times - A computer in 'ancient Greece, a battery in Mesopotamia, lamps and airplanes in' Ancient Egypt
According to the Theory of & nbsp; Ancient Astronaut, in the distant past, travelers extraterrestrials have visited our ancestors influencing the natural ...
The 'old secret of the swastika and the secret history of the white race (Pt.2)
The swastika, an ancient symbol of & rsquo; Hinduism, you can find plenty in the ruins of & rsquo; Neolithic Europe. This has convinced scholars, ...
Illuminati, Nazis and the illegal state of Israel
Dean Henderson, Left Hook - Counterpsyops & nbsp; - If we want to put an end to the Israeli / Palestinian, we need to know who created Israel and perché.Nel ...
Culture legendary: The Nephilim
The name Nephilim, present in 'Old Testament (Torah) and several non-canonical books of Judaism and Christian writings primigenei, indicates: ...
The 'ancient secret of the swastika and the secret history of the white race (Pt.1)
The white race has been deliberately kept all & rsquo; dark about all & rsquo; ancestral Hindu religion that was practiced throughout the & rsquo; Europe ...
The myth of Gilgamesh
One of the few stories that Sumerian was able to come down to us is the famous poem of Gilgamesh, composed in Uruk around 4500 years ago (Pettinato ...
The 'former Bishop Gerard Bouffard said the Vatican is "the real spiritual controller" of the Illuminati and the New World Order
Former Bishop Gerard Bouffard of Guatemala said the Vatican is "the real spiritual controller" of the Illuminati and the New World Order, ...
Illuminati: The floor Masonic
The floor in black and white checkerboard, fù present in temples since the time of & rsquo; ancient Egypt. More than just a decorative element, the floor ...
What time is the end of the world? I can not lose, l 'last show ...
Many are convinced that really miss you a little at the end of the world goes crazy for some time, the Mayan prophecy on December 21, 2012 that even someone connects with ...
The mystery of the Rosicrucians. And the red rose
1. Introduction We have often talked about in this blog of the crimes of the Red Rose. Since the crimes of the monster of Florence, to go from Pantani, Fois, ...
Osiris, the first Messiah: Jesus 'represent' the second coming of Christ Egyptian?
Among the ruins of & rsquo; ancient Egypt we can find evidence of & rsquo; existence of a long-haired and bearded savior, whose us resurrect, influenced ...
The Secret Life of Marilyn Monroe, the prototype of the slave mind control (Part 1)
Marilyn Monroe is perhaps the most iconic figure in American culture and the most famous sex symbol of all time. However, behind the smile of photogenic ...
"The aliens already living among us": discovering the Chinese and extraterrestrials
In this historical period, China seems to be on the crest of 'wave with respect to the space race and the question of extraterrestrial life. In ...
The Elohim between doubts and certainties
Fabio SebastioTi praise before the Gods (Psalm 138.1), Praise the God of Gods (Psalm 136.2), God is God of gods (Deuteronomy 10:17). But GOD ...
Discovery of a large pyramid submerged in the Azores: a breakthrough in the search for Atlantis?
The search of the legendary Atlantean civilization, disappeared into the mists of time due to a global cataclysm catastrophic, could be at a turning point ....
Giants, from myth to history.
New discoveries in the world of ancient legends confirm the existence of a race of giants in the past. Bone remains and, in some cases, ...
Egyptian mummy alien found in a pyramid of Senusret II. Truth, fiction or misinformation?
The perfectly preserved body & nbsp; a mummified alien, was found buried in an ancient pyramid. A mysterious creature of the length ...
Eyes Wide Shut: The Magic of Power and the logic of desire
Since I began to study the books devoted to propaganda, my perspective changed on different aspects of everyday life; not least ...
Nibiru: legend or truth? Ison and the Planet X - Celestial Bodies abnormal approach to the Sun
The recent explosion in the atmosphere of a small asteroid of several thousand tons - which took place in the skies of Russia last February 2013 -...
The 10 most famous secret conspiracies in history
Conspiracy: just say this word to be accused of being thirsty for conspiracy plots, including the assassination of JF Kennedy, the ...

Built with HTML5 and CSS3
Copyright © 2011 YOOtheme